Andreea Rabciuc, la giovane scomparsa non si trova | Il fidanzato respinge le accuse

La vicenda di Andreea Rabciuc è ancora avvolta nel mistero: a parlare della sua scomparsa è il fidanzato della 27enne.

Di Andreea Rabciuc non si hanno notizie dallo scorso 12 marzo, ma gli inquirenti stanno indagando ad ampio raggio. Nel frattempo sulla delicata vicenda è intervenuto anche il fidanzato Simone.

Andreea Rabciuc
Andreea Rabciuc, ancora nessuna traccia della giovane scomparsa | Il fidanzato si difende dalle accuse

L’uomo di 43 anni ha parlato della giovane scomparsa a Jesi da quasi un mese. Intanto nelle ultime ore gli inquirenti hanno effettuato un sopralluogo in un’area sequestrata nelle campagne di Montecarotto nelle quali sono in corso le verifiche da parte dei Ris.

Scomparsa Andreea Rabciuc, sequestrato un terreno | Indagini in corso

Nessuna notizia sulla campionessa di tiro a segno dallo scorso 12 marzo, ma sul caso sono in corso gli accertamenti. Andreea e il fidanzato Simone Gresti avrebbero passato la notte in un casolare diroccato e utilizzato per feste private insieme a un’altra coppia.

Andreea Rabciuc
Scomparsa Andreea Rabciuc, sequestrato un terreno | Indagini in corso

L’uomo è indagato per sequestro di persona, ma durante la nottata fra i due ci sarebbe stato un litigio, da qui la decisione della giovane di allontanarsi a piedi, lasciando anche il telefono.

La versione del fidanzato accusato

Simone Gresti ha parlato con gli investigatori che, al momento, non escludono alcuna ipotesi. Il 43enne ha dichiarato che la fidanzata “è viva e si sta nascondendo. Sta usando anche alcuni profili social“, ha commentato l’uomo che avrebbe parlato di una giovane con “problemi da risolvere con se stessa“.

Durante la notte fra l’11 e il 12 marzo continui litigi. Entrambi si erano recati a una festa in un casolare di campagna a Montecarotto, non molto distante da Jesi.

LEGGI ANCHE >> Intascava illegalmente la pensione d’invalidità | Scoperto per una “distrazione”

Una serata vissuta con un’altra coppia, poi l’improvvisa scomparsa della giovane. “L’iscrizione nel registro degli indagati garantisce alla difesa il diritto di partecipare ad accertamenti irripetibili“, ha spiegato Monica Garulli,  procuratrice capo di Ancona, pur trattandosi di un atto non dovuto.

Mentre l’avvocato del fidanzato ha parlato di “un uomo tranquillo e a completa disposizione delle autorità“, il padre della giovane che vive in Spagna ha rilasciato alcune dichiarazioni. “Mi ha chiamato di notte e poi ha scritto un messaggio. Diceva che era finita nei guai per colpa del fidanzato e che aveva dei problemi“, si legge su Il Resto del Carlino che cita le dichiarazioni del padre di Andreea.