Vigile aggredito a Milano, spunta un nuovo filmato: può cambiare tutto

Nuovi dettagli e un video che mostrerebbe una versione diversa rispetto a quella fornita dal vigile che sarebbe stato aggredito da tre giovani a Milano, precisamente in zona Navigli. L’episodio è alquanto grave, adesso i legali dei ragazzi parlerebbero di un video pronto a scagionarli. 

Vigile aggredito a Milano
Vigile aggredito a Milano, spunta un nuovo filmato: può cambiare tutto (immagine Rete)

Sarebbe spuntato un nuovo video che potrebbe scagionare, secondo quanto riportato dai legali, i tre giovani accusati di aggressione ai danni di un agente della polizia locale in borghese. L’uomo è stato disarmato durante la notte fra venerdì 14 e sabato 15 gennaio 2022. Il filmato sarebbe diverso rispetto a quelli trovati in Rete e sarebbe stato depositato in Procura.

LEGGI ANCHE >> Vigile aggredito a Milano, svolta nelle indagini: tre giovani indagati

La difesa avrebbe parlato del vigile che non si sarebbe qualificato dopo essere sceso dall’autovettura. I legali di due giovani della provincia di Trento avrebbero chiesto di parlare con la Procura di Milano. L’idea è quella di fornire la propria versione dei fatti: entrambi vorrebbero infatti chiarire la situazione.

Vigile aggredito a Milano, le novità che potrebbero cambiare tutto

Vigile aggredito a Milano video
Vigile aggredito a Milano, le novità che potrebbero cambiare tutto (Immagine Rete)

Secondo quanto riportato dalla difesa dei giovani, uno dei ragazzi avrebbe chiesto all’agente “cosa fai?“, poi il vigile sarebbe sceso dall’auto senza qualificarsi e avrebbe preso la pistola. Prima l’esplosione di un colpo in aria, a seguire ci sarebbe stata la colluttazione con tanto di tentativo di togliere dalle mani la pistola.

LEGGI ANCHE >> Omicidio Trieste, lettera della famiglia di Robert alla città: “Nell’immenso dolore che…”

Secondo la difesa, con il grido “polizia polizia” i giovani avrebbero dimostrato di non aver compreso che quell’uomo fosse in realtà un agente. Le indagini intanto proseguono, mediante l’identificazione del gruppo, così come la conseguente iscrizione nel registro degli indagati. L’obiettivo degli inquirenti è quello di fare chiarezza sulla vicenda, nonché comprendere l’esatta dinamica dell’accaduto.

Impostazioni privacy