Omicron, ipotesi picco: ecco le previsioni OMS

La variante Omicron continua ad aumentare in Italia, così come in altre parti del mondo, diventando sempre più presente con l’alto numero di persone contagiate. Le previsioni sui contagi non mancano e anche l’esigenza di difendersi dalle gravi conseguenze del virus. Intanto la campagna vaccinale prosegue a ritmi sostenuti. 

Variante Omicron
Omicron, ipotesi picco: ecco le previsioni OMS (Immagine Pixabay)

L’Italia è vicina al picco della variante Omicron, ma ciò riguarderebbe anche altri Paesi. A dichiararlo è stato il direttore dell’Oms Europa Hans Kluge che ha parlato su Rai 3 durante la trasmissione Mezz’ora in più. “Italia e Grecia si stanno avvicinando al picco, è molto probabile che il picco in Europa arrivi prima di quanto previsto, credo entro 2-3 settimane“, ha ricordato l’esperto.

LEGGI ANCHE >> Djokovic lascia l’Australia, il padre sbotta ancora: “Attentato al miglior…”

Kluge è soddisfatto per dosi somministrate, inclusa quella di richiamo, così come le mascherine indossate. “La strada seguita dall’Italia è quella giusta, con le vaccinazioni, le terze dosi e le mascherine. Le scuole devono essere le ultime a chiudere“, ha commentato Kluge durante la trasmissione condotta da Lucia Annunziata.

Covid, terze dosi e previsioni sulla variante Omicron: la visione di Sileri

Sileri Omicron
Covid, terze dosi e previsioni sulla variante Omicron: la visione di Sileri (Immagine Facebook)

Sulla stessa lunghezza d’onda c’è anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che parla di una revisione delle regole da qui a breve. “Entro la fine del 2022 Omicron raggiungerà quasi tutta la popolazione. Questa variante Omicron raggiungerà tutti, non c’è scampo. Non c’è dubbio che entro la fine del 2022, salvo un’altra variante, quasi tutta la popolazione bene o male incontrerà questa variante“, ha ricordato.

LEGGI ANCHE >> Marco Melandri, che pasticcio. Prima la battuta sul Covid poi la smentita

I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare per la variante sudafricana che, a meno di nuovi stravolgimenti del virus, dovrebbe rimanere quella dominante. “Oggi con questa nuova variante si può distinguere con più facilità un positivo e un malato. Se sei vaccinato sei più protetto“, ha concluso Sileri. Ecco intanto le parole di Hans Kluge che ha tracciato un bilancio previsioni sul futuro della variante Omicron.