Peste suina, nuova ordinanza del governo anti epidemia

I ministri delle Politiche agricole e della Salute hanno firmato una ordinanza per frenare la diffusione della peste suina nei territori colpiti. Vietata la caccia, amessa solo quella di selezione.

Firmata ordinanza per fermare la diffusione della peste suina

Con una ordinanza firmata oggi i ministri Stefano Patuanelli e Roberto Speranza, rispettivamente titolari dei dicasteri delle Politiche agricole e della Salute, provano a fermare la diffusione della peste suina nei territori fino ad ora colpiti. “L’ordinanza – si sottolinea nel testo – consente alle attività produttive di continuare a lavorare in sicurezza, fornendo rassicurazioni in merito al nostro export“.

LEGGI ANCHE > Covid oggi, bollettino Italia: 184.615 i positivi, 316 i decessi. Positività 15,6%

Le disposizioni dell’ordinanza saranno efficaci per 6 mesi e “si applicano anche alle regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione“.

L’ordinanza prevede lo stop della caccia, tranne per quella di selezione al cinghiale

L’ordinanza prevede lo stop alla caccia, tranne per quella di selezione al cinghiale

L’ordinanza prevede inoltre lo stop alle attività venatorie nella zona stabilita come infetta da Peste suina Africana, 114 Comuni di cui 78 in Piemonte e 36 in Liguria. Sarà tuttavia ammessa la caccia di selezione al cinghiale come strumento per ridurre la popolazione in eccesso.

LEGGI ANCHE > Licenziamenti, a rischio 270 lavoratori della Caterpillar. Presi provvedimenti estremi

Nelle stesse aree saranno inoltre vietate la raccolta dei funghi e tartufi, la pesca, il trekking, il mountain bike e le altre attività di interazione diretta o indiretta coi cinghiali infetti.