Cavallo, insulti omofobi al calciatore dopo il coming out

Insulti omofobi a Josh Cavallo. L’episodio durante l’ultimo match di campionato tra il suo Adelaide United e il Melbourne Victory. Lo sfogo del 22enne su Instagram.

cavallo
Cavallo, insulti omofobi al calciatore dopo il coming out

“L’amore vincerà sempre”. Con queste parole su Instagram Josh Cavallo ha voluto denunciare il grave episodio avvenuto durante l’ultima partita del campionato australiano tra il suo Adelaide United e il Melbourne Victory. Insulti omofobi nei confronti del 22enne che lo scorso ottobre, facendo coming out, è diventato il primo calciatore professionista al mondo (di un campionato della massima serie) apertamente gay.

Aveva ricevuto consensi e attestati di stima (da Ibra a Piqué) ma ieri è stato bersaglio del pubblico dell’Aami Park di Melbourne. “Non farò finta di non aver visto o sentito gli insulti omofobi durante la partita. Non ci sono parole per dire quanto fossi deluso. Questo dimostra che come società dobbiamo ancora affrontare questi problemi nel 2022, spiega Cavallo in un post Instagram.


LEGGI ANCHE >> Caso Djokovic, l’Australian Open sapeva dei problemi: la richiesta al dipartimento fa discutere

Cavallo, lo sfogo dopo gli insulti: “Non mi scuserò perchè vivo la mia natura”

cavallo
Cavallo, lo sfogo dopo gli insulti: “Non mi scuserò perchè vivo la mia natura”

Ieri il 22enne giocatore australiano, la cui famiglia ha origini italiane, è subentrato nella partita di ieri (finita 1-1) nella ripresa, collezionando la sesta presenza in A-League di quest’anno. “Una cosa del genere non dovrebbe essere accettabile. Bisogna fare di più contro i responsabili. L’odio non vincerà mai. Non mi scuserò perché sto vivendo la mia vera natura e per chi sono fuori dal calcio”, ha aggiunto Cavallo.

LEGGI ANCHE >> DIRETTA Covid oggi, ultime notizie domenica 9 gennaio 2022

A tutti i giovani che hanno subito insulti omofobi consiglia di tenere la testa alta e continuare a inseguire i propri sogni: “Sappiate che non c’è posto nel calcio per questo: è un gioco per tutti, non importa chi sei, di che colore è la tua pelle o da dove vieni. Non voglio che nessun bambino o adulto debba ricevere i messaggi odiosi e offensivi che ho ricevuto. Sapevo che mi sarei imbattuto in questo”, conclude.

Gestione cookie