Caso Patrick Zaki, non può lasciare l’Egitto prima della fine del processo

Novità sul caso Patrick Zaki. Contrariamente a quanto dichiarato dallo stesso ragazzo in televisione, lo studente iscritto all’Università di Bologna non potrà lasciare ancora l’Egitto.

Patrick Zaki
Caso Patrick Zaki, non può lasciare l’Egitto prima della fine del processo

Patrick Zaki non potrà lasciare l’Egitto prima della conclusione del processo a suo carico. Lo riportano all’Ansa fonti informate, che hanno richiesto l’anonimato, di stanza nel paese nordafricano. Secondo le loro indiscrezioni, Zaki sarebbe in una “lista nera” che gli impedirebbe di viaggiare e dunque anche di raggiungere il nostro paese.

Per le fonti stesse, non è nemmeno importante sapere se a Zaki sia stato o meno restituito il passaporto, “proprio poiché gli è vietato viaggiare”. Solo qualche giorno fa, in collegamento con la trasmissione “Che tempo che fa”, Zaki si era invece detto fiducioso di poter raggiungere l’Italia al più presto.

LEGGI ANCHE >> Nuovo dramma in Siria, diversi bambini feriti durante un attacco aereo: alcuni sono gravi

Caso Patrick Zaki, prossima udienza l’1 febbraio

Patrick Zaki
Caso Patrick Zaki, prossima udienza l’1 febbraio

La prossima udienza della vicenda giudiziaria intorno al destino dello studente egiziano si terrà il primo febbraio. Lo studente, imputato con l’accusa di “diffusione di notizie false dentro e fuori il Paese”, rischia fino a 5 anni di prigione. Questi andrebbero ad aggiungersi ai 22 mesi già passati nelle carceri egiziane. Non ci sono a oggi indicazioni attendibili sulla durata del procedimento.

LEGGI ANCHE >> Calciomercato, inchiesta Ramadani e Chiodi: a quanto ammonta la stima dell’evasione

Nell’ultima udienza, che ha portato poi alla scarcerazione di Zaki, l’avvocatessa Hoda Nasrallah, membro del collegio difensivo, ha chiesto l’acquisizione di alcuni video registrati dalle telecamere di sorveglianza dell’aeroporto del Cairo. Questi, insieme a un verbale di polizia e a un rapporto dei servizi segreti egiziani, dimostrerebbero il fermo illegale di Zaki. La difesa dovrebbe inoltre discutere in una delle prossime udienze una sua memoria, puntando molto sulla dimostrazione che l’articolo per cui Zaki è incolpato non contiene alcuna falsità.

Impostazioni privacy