Cagliari, ucciso chef Madeddu: aveva partecipato al programma ‘4 ristoranti’

Ucciso oggi a Teulada Alessio Madeddu, chef noto per la partecipazione al programma ‘4 ristoranti’ condotto da Alessandro Borghese. Il cadavere del cinquantunenne cuoco è stato ritrovato davanti al suo locale a Porto Budello.

madeddu
Trovato morto lo chef Alessio Madeddu – Immagine Facebook

Omicidio nel sud della Sardegna. La vittima è lo chef Alessio Madeddu. Il cuoco era noto per la partecipazione al programma ‘4 ristoranti’ con Alessandro Borghese. Il corpo dell’uomo sarebbe stato ritrovato, a terra, davanti al suo locale Sabor’ E Mari a Porto Budello. Stando alle prime ricostruzioni, il cinquantenne di Teulada sarebbe stato ripetutamente colpito con arma da taglio. Probabilmente un’accetta, come riporta l’Unione Sarda. Subito dopo il ritrovamento del cadavere sono giunti sul posto i Carabinieri del Comando Provinciale di Cagliari e della Compagnia di Carbonia.

Madeddu era stato protagonista del programma ‘4 ristoranti’, in onda su Sky, entrando in gara in una puntata dedicata al “Miglior ristorante da vacanza del sud della Sardegna, nel 2018. Nel 2015 aveva ricevuto in gestione, dal padre e dalla sorella, il ristorante Ittiturismo Sabor’ E Mari.

 

LEGGI ANCHE >> Torino, 30 anni di carcere al killer di Stefano Leo: “Ho ucciso perché ero felice”

Alessio Madeddu, le vicissitudini giudiziarie

madeddu
Ucciso lo chef Alessio Madeddu

Madeddu era noto non solo per il suo locale Sabor’ E Mari, ma soprattutto per le sue recenti vicende giudiziarie. Lo scorso marzo, infatti, lo chef di Teulada era stato condannato a 6 anni e 8 mesi di carcere per tentato omicidio, danneggiamento e resistenza. Perché nel novembre del 2020 aveva aggredito una pattuglia di Carabinieri, caricandola con una ruspa. Stando a quanto appurato durante il processo, la violenta reazione di Madeddu sarebbe stata causata dalla richiesta degli agenti di sottoporsi all’alcoltest. Dopo che era uscito di strada col suo furgone. Arrestato, Madeddu, aveva trascorso 5 mesi di custodia cautelare in carcere e dopo la condanna era riuscito a ottenere i domiciliari.