Cina, emergenza alluvioni: evacuate due milioni di persone

Alluvione in Cina. Continua l’emergenza climatica in tutto il mondo. Questa volta siamo nella provincia dello Shanxi. Dove quasi 2 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni a causa dell’alluvione che nei giorni scorsi ha colpito la regione.

Alluvione in Cina

Quasi 2 milioni di persone evacuate e circa 17 mila case crollate. E’ questo il bilancio momentaneo delle inondazioni che hanno colpito la provincia dello Shanxi, nella Cina settentrionale. Nei giorni scorsi un violento nubifragio si è abbattuto sulla regione poco a sud di Pechino devastando oltre 190 mila ettari di piantagioni. L’alluvione ha colpito oltre 70 centri, tra contee, città e distretti. Alle persone colpite dalla calamità sono state assegnate dal Dipartimento Amministrativo per le Emergenze circa 4 mila tende e 3 mila letti pieghevoli, oltre a vestiti, coperte e generi di prima necessità.

Taiyuan, il capoluogo della provincia dello Shanxi, la scorsa settimana ha registrato precipitazioni medie di di circa 185,6 mm. Secondo i media locali 4 poliziotti sarebbero morti in una frana ma al momento la notizia non è stata confermata.

LEGGI ANCHE >> Maltempo: in Liguria esondazioni e allagamenti. Scatta l’allarme rosso

Alluvione in Cina, stop al lavoro nelle miniere

Alluvione nello Shanxi, cina settentrionale

Le piogge torrenziali che hanno colpito il distretto dello Shanxi hanno costretto il Governo cinese a interrompere le attività di più di 60 miniere di carbone, di circa 15 stabilimenti chimici e 370 altre miniere. Già da alcune settimane la Cina sta vivendo una gravissima crisi energetica che aveva provocato l’interruzione dei servizi elettrici e la limitazione dell’erogazione di energia in porti e fabbriche.

E la situazione è destinata a peggiorare visto che lo Shanxi è il maggior produttore di carbone in Cina, paese che possiede la metà della miniere di carbone del globo e che usa proprio il carbone per produrre il 56 per cento dell’energia elettrica.