Libano, caos e blackout in tutto il Paese: grave crisi economica e politica

E’ ancora al buio il Libano. Le centrali elettriche sono chiuse per mancanza di carburante e i cittadini sono da oltre 24ore senza corrente. Il Paese è nel caos a causa del blackout ma sopratutto per una gravissima crisi economica e politica.

Blackout Libano
Blackout in tutto il Libano. Anche oggi non è garantita nemmeno un’ora di corrente elettrica

Si preannuncia un’altra giornata senza elettricità in Libano, dove da ieri è in corso il secondo blackout più lungo della storia del Paese. A causare l’interruzione di energia elettrica è la mancanza di carburante che ha bloccato il lavoro delle due centrali, quella di Zahrani a sud del paese e quella di Deir Ammar a nord.

Le autorità libanesi non sono ancora in grado di dire quando potrà tornare la luce ma è quasi certo che almeno fino a lunedì mattina gli interventi tecnici non potranno restituire l’elettricità. E così, sarà una domenica di caos per i libanesi che, in realtà, ormai da settimane fanno i conti con una corrente disponibile per poche ore al giorno, giusto quel tanto necessario a ricaricare telefoni e altri strumenti fondamentali per la vita quotidiana.

Il Libano sta attraversando una gravissima crisi politica ed economica e sta portando con sé molte pesanti conseguenze: una di queste è proprio la mancanza di carburante che fino a ieri è stato pagato solo grazie ai prestiti che la Banque du Liban ha concesso al governo di Beirut.

LEGGI ANCHE >>Austria, il cancelliere Kurz si è dimesso. Cosa è successo

Blackout in Libano, il carburante pagato a peso d’oro

blackut libano
Blackout in Libano, carburante costa moltissimo e i trasporti nel Paese si sono paralizzati

Quel poco di carburante che rimasto disponibile nei distributori fino a qualche giorno fa aveva un prezzo altissimo. Andare da una città all’altra del Libano, per esempio, costava un decimo dello stipendio medio. Ecco perché anche gli spostamenti si sono fermati dando ancor di più la sensazione di un Paese paralizzato.

Il sistema bancario libanese è collassato nel 2020 e nessuno dei governi che da allora si sono succeduti è stato in grado di riprendere in mano le redini della nazione. Dal 10 settembre 2021 il nuovo capo del governo è Najib Mikati.