Eurovision Song Contest, Mika alla conduzione: quanto c’è di vero

L’Eurovision Song Contest tiene banco. In Italia arriva il concorso più importante della musica a livello europeo e internazionale. Chi vince non si ferma entro i confini dell’Unione e Torino si tira a lucido per ospitare la manifestazione nel 2022.

Eurovision Song Contest, Mika
Eurovision Song Contest, Mika alla conduzione, quanto c’è di vero

L’anno successivo alla vittoria dei Maneskin, gruppo Rock romano che ha sbaragliato chiunque annichilendo la concorrenza. Stavolta, però, non sono gli assoli a far discutere, ma la fuga di notizie riguardante la possibile conduzione televisiva della manifestazione. Tutto è cominciato qualche giorno fa, quando Gabriele Corsi – ex conduttore dell’evento – in radio ha dichiarato: “Salutiamo Mika che, dopo aver fatto X Factor, condurrà anche l’Eurovision. Ecco l’abbiamo detto”.

Le dichiarazioni si diffondono a macchia d’olio e la comunicazione viene presa per buona. Molti giornali – tra cui il Corriere della Sera – riportano in maniera ufficiale la decisione. Peccato che di ufficiale, riguardo la conduzione della kermesse, non ci sia ancora nulla. Tutte voci di corridoio che si susseguono in maniera repentina, al punto da spingere gli organizzatori a specificare che ancora tutto è in divenire. Persino la Rai cerca di fare chiarezza su questo.

LEGGI ANCHE >> Khabi Lame protagonista di Belgio-Francia,il retroscena con Mbappè e Pogba

Eurovision Song Contest a Torino, per la conduzione ipotesi Mika

Eurovision Song Contest Torino Mika
Eurovision Song Contest a Torino: bagarre sulla conduzione ipotesi Mika

Lo stato dell’arte è il seguente: in pole per la conduzione ci sarebbe Alessandro Cattelan, che arriva dall’esperienza Rai “Da grande”. Format non proprio fortunatissimo negli ascolti, dopo aver pagato l’eccessiva concorrenza con “Scherzi a parte”. Al secondo posto Mika, c’è chi azzarda addirittura un ritorno alla conduzione di Alessia Marcuzzi che, dopo aver lasciato “Le Iene” cerca nuovi stimoli ed esperienze professionali. I nomi non mancano, ma resta ancora tutto da stabilire. I fatti restano ingarbugliati.

Prima una fuga di notizie, poi la seguente smentita, poi la smentita della smentita, ma intanto nulla è acclarato. Sembra un continuo passarsi la palla in attesa di capire la prossima mossa. Matassa che, comunque, dovrebbe dipanarsi nei prossimi giorni con il Giudice di X Factor pronto a guadagnarsi un posto d’onore al PalaAlpitour di Torino. Sotto la Mole già si freme: il lavoro è tanto e le voci non sono da meno. Quando arrivano anche i rumors, allora è segno che l’edizione sarà particolarmente interessante. A prescindere da chi la condurrà.