Calenda: “Sfida finta tra destra e sinistra. Endorsement di Giorgetti? Non mi sorprende”

Il candidato sindaco di Roma Carlo Calenda ha rilasciato un intervista al Corriere della Sera in cui affronta i temi più attuali della politica italiana. Dall’endorsement di Giorgetti alla sfida con Michetti e Gualtieri. E il rapporto con Salvini.

Carlo Calenda

E’ un Carlo Calenda a 360 gradi quello che parla al Corriere della Sera. A pochi giorni dalle elezioni comunali la corsa al Campidoglio si accende. Dopo lo stupore causato dalle parole di Giorgetti con cui mezzo centro-destra ha scaricato il candidato sindaco Michetti proprio in favore di Calenda c’è stato lo scontro tv del 27 settembre a Quarta Repubblica tra il Sindaco uscente Virginia Raggi e l’europarlamentare romano.

“Il Paese ha bisogno essenzialmente di questo, di una classe dirigente liberal-democratica ed europeista fatta di persone che, al di là delle attuali appartenenze, si danno una mano a vicenda” esordisce.

Per il leader di Azione il candidato avversario del centrodestra Michetti non è presentabile come sindaco di Roma: non è credibile perchè senza esperienza ed è stato candidato solo perchè amico di Giorgia Meloni e Matteo Salvini.

Quanto all’endorsement ricevuto ministro dello sviluppo economico leghista, dice: “Giorgetti è un galantuomo che fa politica, sa riconoscere il valore delle persone, capisce chi può essere utile alla causa di Roma e dell’Italia. E infatti del valore di Michetti non mi sembra che abbia mai parlato” spiega Calenda.

L’ex vice ministro sempre sull’appoggio ricevuto da Giorgetti prosegue: “Sorprendente? Per altri, forse, non per me. Anche io sono abituato a riconoscere il valore dei politici che non stanno dalla mia parte. Starei di certo nello suo stesso schieramento ma non se quello schieramento è la Lega afferma.

LEGGI ANCHE >> LEGA, Salvini a La7: “Il leader sono io. Nessun problema con Giorgetti”

Calenda: “Con Salvini non più di un caffè”

Carlo Calenda, leader di Azione

L’ex Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Renzi sottolinea come la sfida tra destra e sinistra sia da scardinare: “Sotto sotto sono sostenute a turno dallo stesso gruppo di potere che, ad esempio, ha sfasciato Roma. Michetti, alle Europee del 2019, invitava a votare Gualtieri su indicazione del pd Bruno Astorre. Non sono omonimi, sono gli stessi Michetti e Gualtieri che si sfidano oggi” spiega.

Dopo le parole di stima nei confronti di Giancarlo Giorgetti, Carlo Calenda descrive il suo rapporto col leader leghista Matteo Salvini: “Con Salvini non ho nulla a che spartire. Un caffè non lo nego a nessuno ma, nel caso di Salvini, non più di un caffè. Quando ce l’hai davanti diventa gentile come un fiorellino. Faccia a faccia non dice mai nulla, bofonchia mezze frasi, fa lo spiritoso” conclude.