Morte Alice Neri, importante ritrovamento sul luogo del delitto: può incastrare l’assassino

Un’importante ritrovamento sul luogo del delitto di Alice Neri, porta l’omicidio della donna ritrovata carbonizzata nella sua auto, ad una possibile svolta

Sul luogo dove è stato ritrovato il corpo carbonizzato della 34enne Alice Neri, i carabinieri hanno rinvenuto un reggiseno che potrebbe appartenere alla donna. L’oggetto potrebbe inchiodare il colpevole.

Alice Neri, possibile svolta nel caso della donna trovata carbonizzata

A più di un mese e mezzo dal ritrovamento del corpo carbonizzato di Alice Neri, arriva un nuovo impulso alle indagini. Sul luogo del delitto è stato ritrovato un reggiseno che potrebbe appartenere alla donna, secondo le informazioni fornite dal marito Nicholas Negrini. Al momento il maggior indiziato del cruento fatto di cronaca è Mohamed Gaaloul, il tunisino di 29 anni che dopo l’estradizione dalla Francia, dove si era rifugiato, si trova in carcere a Modena.

Morte Alice Neri, importante ritrovamento sul luogo del delitto

Il tunisino, che si è sempre dichiarato estraneo ai fatti, ha rilasciato una dichiarazione spontanea durante l’interrogatorio del 5 gennaio scorso, sostenendo che si trovava in Francia per lavoro, e non perché stava scappando. Al contrario secondo la ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri, l’uomo di 29 anni, sarebbe stato l’ultima persona a vedere viva Alice Neri la notte del 18 novembre. 

Alice Neri, importante ritrovamento sul luogo del delitto

Morte Alice Neri, le risposte sull’oggetto rinvenuto

Sul luogo del delitto gli inquirenti hanno trovato un reggiseno probabilmente indossato dalla mamma 32enne il cui omicidio presenta ancora molti lati oscuri. L’oggetto è parzialmente bruciato ma gli inquirenti sperano di trovare tracce che possano inchiodare il colpevole.

Nel frattempo dopo la dichiarazione spontanea il tunisino, su consiglio del suo legale Roberto Ghini, si è avvalso della facoltà di non rispondere al gip, e sta valutando se presentare richiesta al tribunale del riesame. Alla luce di questo, il rinvenimento del reggiseno assume un’importanza fondamentale per le indagini, e per comprendere cosa sia realmente successo  la notte tra il 17 e il 18 novembre a Concordia, dove poi è stato ritrovato il corpo carbonizzato della donna.