Juventus, che sgarbo al Milan: c’è lo zampino di Allegri, cos’è successo

Juventus, continuano le grandi manovre in vista di gennaio: i piani per il futuro incastrano il Milan. L’intreccio con i rossoneri.

Juventus, nessuna esitazione. I bianconeri pensano al nuovo anno con qualche interrogativo e molte ansie legate alle vicende giudiziarie che si rincorrono. L’importante – per il momento – è organizzarsi: la Vecchia Signora lo sta facendo. Il nuovo CDA di Ferrero e Scanavino si muoverà di conseguenza con tanti volti nuovi per creare un indirizzo altrettanto rassicurante in attesa di capire quali saranno le sorti della proprietà: in ballo c’è molto, ma persiste anche l’intenzione di chiarire punto per punto ogni sospeso.

Allegri Juventus
Allegri, scacco matto al Milan (ANSA)

Intanto la FIGC collabora con la Procura di Torino e avvia un’indagine congiunta. Restando in tema di congiunzioni, Allegri è il legame fra il passato (recente) e il Presente e di recente si è messo anche a fare l’intermediario. Il motivo porta a un nome: quello di Friedric Massara, il Direttore Sportivo del Milan interessa alla Juventus. Cherubini, attualmente in quel ruolo, a giugno potrebbe fare i bagagli.

Juventus, scacco matto al Milan: intreccio di mercato, la chiave è Allegri

Per questo i bianconeri si guardano intorno: persiste la pista Giuntoli, ma non è facile. Massara potrebbe, secondo la Gazzetta dello Sport, rappresentare un’alternativa oppure la volontà concreta di cambiare metodo e direzione. Allegri lo conosce e sa quanto l’ambiente Milan (essendoci stato) sia rinfrancato dalla sua presenza. Averlo a Torino, per Allegri, potrebbe essere l’occasione per fare un lavoro di concerto ideale. Il mantra resta sempre lo stesso: qualità con risorse contenute.

Juventus sgarbo Milan
I bianconeri provano a sorprendere il Milan sul mercato (ANSA)

I dirigenti si pagano, ma l’importante è fare un mercato a budget medio-basso. Sono finiti i tempi dei “fuochi d’artificio”. Qualche motivo è sulla scrivania nella Procura di Torino, altri invece riguardano il portafogli che, nonostante la tempesta giudiziaria o forse proprio per quella, va gestito diversamente. Massara al Milan ha dimostrato di saper approntare una vera e propria rivoluzione partendo dagli uomini scelti. Quello che serve alla Juve di oggi, ma ancor più a quella di domani.

L’attuale DS rossonero resta tra le priorità: secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, Allegri si sarebbe esposto sulla questione. La società non può non ascoltarlo e soprattutto non può evitare di utilizzarlo come viatico principale per intavolare una trattativa. Portarlo via da Milano è difficile, ma non impossibile quando si dispone di un Allegri in più. Il Milan aspetta, anche perché quello che non fa il mercato potrebbe farlo la Giustizia Sportiva: vera variabile di questa vicenda.