Pestata e costretta alla prostituzione, una modella denuncia tutto | “Sono pronta a fare i nomi”

Pestata e costretta a prostituirsi. Modella denuncia tutto: i festini a base di sesso e cocaina duravano dal 2021. “Pronta a fare i nomi”

La denuncia presentata dall’avvocato della vittima è arrivata in Procura solo venerdì scorso ma i festini a base di droga, sesso e minacce andavano avanti da marzo 2021. Così una modella 22enne denuncia un pr: “Vivo nel terrore, non riesco più a lavorare. Mi ha detto che solo uccidendomi la sua vita acquisterebbe un senso”.

modella
Pestata e costretta a prostituirsi, modella pronta a fare i nomi (Pixabay)

“Mi somministrava benzedrina. Mi minacciava con la droga: per questo ho una lesione al naso, per la cocaina. Mi ha convinto a filmare i nostri rapporti sessuali minacciandomi di inviare i video alla mia famiglia se mi fossi rifiutata.  Mi ha obbligato a prostituirmi. Ora sono disposta a indicare i nomi di ogni persona coinvolta”.

La ragazza, di origini italiane, non ce l’ha fatta a sopportare tutto e ha parlato. Gli incontri, le feste, i pestaggi e le minacce avvenivano con regolarità spaventosa in un appartamento di una zona residenziale nel milanese. I carabinieri e la polizia che indagano sul caso ipotizzano un giro di sesso e droga molto più ampio.

Pestata e costretta alla prostituzione, modella denuncia tutto: “Pronta a fare i nomi”

Un giro di droga, sesso e prostituzione denunciato venerdì scorso da una modella di 22 anni esausta e impaurita dalle minacce ricevute. I festini a base di cocaina e sesso avvenivano in una zona residenziale di Milano. La storia raccontata dalla vittima 22enne accende un faro sul mondo della moda e sui retroscena che a volte rimangono troppo nell’ombra.

modella pestata
Pestata e costretta alla prostituzione, modella denuncia tutto (Pixabay)

La giovane modella che ha avuto il coraggio di denunciare tutto ha origini italiane e, come riporta anche il Corriere della Sera: “Nel marzo 2021 ho deciso di venire a Milano proprio per avviare la procedura della cittadinanza. Una conoscente mi ha fatto il nome di quest’uomo, un pr di 42 anni attivo nel giro delle modelle”. Dalla ricostruzione fatta dalla vittima alle forze dell’ordine, apparentemente il pr si era mostrato gentile, proponendo di ospitare la ragazza.

Così, dopo essersi momentaneamente trasferita nel suo appartamento, l’uomo ha iniziato a modificare il suo comportamento prendendo a drogarsi davanti alla modella. “Mi ha proposto di provare. Diceva che dopo sarei stata meglio…Io mi sono fidata, non so come sia potuto accadere. Nel giro di qualche tempo, sono diventata completamente dipendente da lui. Lui è una persona ossessionata dal sesso. Io lo assecondavo in ogni richiesta anche assurda”.

Sesso, droga e minacce: l’incubo di una modella diventato realtà

Da quella “relazione tossica”, trascorrono alcuni mesi e l’uomo non smette di acquistare cocaina e ospitare feste. Queste ultime avvenivano sia a Milano che a Porto Cervo. Ad un tratto ha iniziato a pestare la modella minacciandola di rivelare che si drogava se non avesse esaudito ogni sua richiesta. La ragazza ormai era sotto ricatto.

Così la 22enne si rivolge a un legale, l’avvocato Alexandro Maria Tirelli che da questa storia racconta: “Una delle situazioni più orrende della mia carriera. Rivolgo un appello alla Procura affinché voglia eseguire le indagini in maniera tempestiva e chiudere questa storia raccapricciante”. Ci sono molte altre donne che hanno denunciato il pr per abusi e violenze.

Ora che la modella è fuori dall’Italia, ospite da alcuni amici che stanno cercando di aiutarla. Lei vive ancora nel terrore e dichiara: “È riuscito a ottenere il mio nuovo numero. Mi invia dei messaggi: e ogni sms che ricevo genera in me un’angoscia profonda. Quando mi costringeva ad avere rapporti sessuali con altri uomini a pagamento, poi io ho sempre consegnato il denaro a lui. Si tratta di 15mila euro. Ma la cosa più orrenda di tutte è stata quando mi ha detto che io comunque rimango di sua proprietà e che, se mi uccidesse, la sua vita avrebbe un senso“.