Apple e Samsung in crisi | L’ultima trovata in grado di annientarli: i colossi tremano

Nella miriade di smartphone che invadono la nostra vita, arriva una novità divertente, trasparente e luminosa. Si tratta di Phone (1). Nato da una start up e presentato a Londra ha entusiasmato utenti e mercato. E ora i grandi marchi tremano.

Stanchi dei soliti telefonini, della solita grafica, foto e app. Arriva ora un’assoluta novità che di sicuro darà un nuovo impulso al mercato, ma non solo, rischia di mettere in crisi i grandi marchi che, a quanto pare non soddisfano più le aspettative degli utenti.

Apple e Samsung in crisi per il nuovo smartphone

Di eccitazione, da qualche anno a questa parte, per gli smartphone, o telefonini come vengono più comunemente chiamati, ce n’è ben poca. I grandi marchi, interessati ai mercati arrancano con poche idee che seguono indicazioni ormai obsolete e vengono acquistati forse più per abitudine e status, che per reale interesse. In questo mondo un po’ impantanato arriva come fosse il famoso “Davide”, una piccola azienda, la Nothing con possibilità di spesa limitata che sta combattendo, e probabilmente vincendo, contro i “Golia”, di Samsung ed Apple.

Nato da una start-up di Carl Pei co-fondato, insieme a Pete Lau di OnePlus, che di telefonia ha fatto il suo pane quotidiano, e insieme al suo team ha dato vita a Phone (1) una piccola meraviglia dal design innovativo con il retro trasparente illuminato da 900 Led. Presentato in un evento internazionale a Londra, ancora se ne parla. Ma che cosa ha entusiasmato così tanto un pubblico di utenti abituati a vedere qualsiasi tipo di cosa, e soprattutto difficili da appassionare?

Apple e Samsung in crisi. Cosa fa impazzire di Phone (1)

Carl Pei, pochi giorni fa, ha fatto un tweet, tra l’ironico e il preoccupato: “Troppo hype per Phone (1), secondo me“, ha scritto quasi a intendere che neanche lui si immaginava tanto entusiasmo.

Apple e Samsung in crisi arriva Phone (1)

 

Phone (1) arriva dopo il primo prodotto dell’azienda Nothing, un paio di auricolari true wireless, gli Ear (1) che hanno venduto oltre mezzo milione di pezzi in un anno. Il team, tutto fatto da giovani ha messo a confronto tanti modelli cercando la particolarità che ancora mancava. È nato così il retro trasparente, che era sì bello ma non così innovativo. Allora si è pensato di aggiungere uno schema luminoso creato da oltre 900 mini luci Led. Un vero e proprio codice di linguaggio, che Nothing chiama interfaccia Glyph, che è ispirato a codici visiv,  come la mappa della metropolitana di New York.

Il risultato è di effetto e ha anche una sua utilità pratica. Le luci Glyph indicano se abbiamo ricevuto notifiche e di quali app, chi sta chiamando, lo stato di carica e così via. È sufficiente associare i singoli contatti a una suoneria, ciascuno con un modello Glyph unico. I 900 Led possono anche essere usati come luce di riempimento flash quando si scatta una foto: quasi come una ring light portatile. Il sistema è anche un invito a essere meno attaccati allo schermo, meno ossessionati: la funzione Flip to Glyph attiva notifiche silenziose e (solo) luminose posizionando il Phone (1) a faccia giù su un piano.

Tutte le specifiche di Phone (1)

La scheda tecnica, non è da super top di gamma ma è da telefono bilanciato, ottimo comunque per tutti gli usi. Alla base c’è il chipset Qualcomm Snapdragon 778G+, con componenti realizzate su misura per Nothing per includere sia ricarica wireless che quella inversa.  Non manca il 5G. La scelta di un processore come il 778G+ serve anche a tenere sotto controllo i consumi. Si può parlare 18 ore per ogni ricarica o due giorni in stand-by. In 30 minuti di ricarica si guadagna comunque il 50% di batteria. La fotocamera non ha i tanti sensori dei modelli dei giganti. Solo 2 ma di ottima qualità. A livello software ecco le ormai consuete funzioni intelligenti come “Modalità Notte” e “Rilevamento Scena”. La seconda ottica è una ultra-grandangolare. Il sistema operativo è Android, e Nothng ha ha aggiunto un linguaggio visivo e sonoro coerente: widget, font, suoni e sfondi sono tutti personalizzati e progettati internamente. La novtà? Un’interazione con Testa, non proprio una collaborazione ufficiale, ma se si collega Phone (1) a una Tesla: “è possibile sbloccare le portiere, accendere l’aria condizionata a distanza, vedere i chilometri percorsi”. Racconta Carl Pei.

I costi e le varie disponibilità

Phone (1) è disponibile nelle colorazioni bianco e nero con tre diversi modelli tra cui scegliere:

  • 8GB/128GB, disponibile solo in nero a 499 euro
  • 8GB/256GB disponibile in bianco e nero a 529 euro
  • 12GB/256GB disponibile nei prossimi mesi in bianco e nero a 579 euro

Le vendite sono iniziate anche in Italia il 21 luglio,  con enorme soddisfazione dell’azienda, sul sito ufficiale di nothing.tech, su Amazon e presso gli store fisici e sul sito di WindTre (solo il modello 8GB/256GB nelle colorazioni bianco o nero, a rate (a partire da €4,99 al mese) o in un’unica soluzione (€529,90).