Guerra Ucraina, missili sul porto di Odessa: Mosca tradisce gli accordi sul grano | Dura reazione dell’Occidente – VIDEO

Ieri l’accordo sul grano a Istanbul da parte di Kiev e Mosca sulla ripresa delle esportazioni. Una firma arrivata grazie alla mediazione di Turchia e Onu. Oggi un pesante attacco da parte della Federazione Russa al porto di Odessa, gestito da Kiev, che potrebbe mandare all’aria lo sblocco di tonnellate di grano. Durissime le reazioni contro Putin e l’esercito russo.

L’Ucraina accusa la Russia di aver lanciato quattro missili su Odessa colpendo anche il porto commerciale, cruciale per l’accordo sul grano firmato ieri a Istanbul.

Un frame dell’attacco di oggi da parte dell’esercito russo al porto di Odessa

Secondo i media ucraini, i russi hanno usato missili da crociera del tipo “Kalibr”. Con l’attacco missilistico su Odessa, Vladimir Putin ha “sputato in facciaall’Onu e alla Turchia ha dichiarati il ministero degli Esteri ucraino su Facebook, citato da Ukrainska Pravda. L’attacco al porto di Odessa ha causato diversi feriti. Lo ha affermato il capo dell’amministrazione militare regionale di Odesa Maksym Marchenko in un discorso ai cittadini, come riporta Unian.

Purtroppo ci sono feriti. L’infrastruttura portuale e’ stata danneggiata. Dopo questo attacco, il mondo intero dovrebbe vedere cos’è la Russia. E’ un Paese terrorista con il quale è impossibile negoziare qualsiasi cosa. E tutti gli accordi con loro non valgono nemmeno la carta su cui sono scritti. L’attacco missilistico a Odessa non è solo un attacco, ma un messaggio alle Nazioni Unite e al mondo intero che la Russia non negozierà e non si fermerà“, ha detto Marchenko.

Nel caso in cui l’accordo sul grano dovesse fallire sarà della Russiala piena responsabilità” ha aggiunto il portavoce del ministero degli Esteri di Kiev, Oleg Nikolenko, citato da Ukrainska Pravda.

Guerra Ucraina, Dure le reazioni dei leader mondiali sull’attacco al porto di Odessa

Pesanti le reazioni di tutti i leader mondiali, inclusi il segretario generale dell’Onu Antinio Guterres e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

I russi hanno colpito il porto di Odessa in Ucraina esattamente dove era immagazzinato il grano” ha affermato Yuriy Ignat, portavoce del Comando dell’Aeronautica militare dell’Ucraina.In realtà due missili sono stati abbattuti mentre altri due hanno colpito le infrastrutture portuali“.

Dura reazione da parte del presidente ucraino Volodymyr Zelensky che ha affermato che l’attacco missilistico russo odierno al porto di Odessa dimostra che Mosca ha finalmente trovato il modo di non attuare l’accordo sul grano concluso ieri con Nazioni Unite, Turchia e Ucraina.Questo dimostra solo una cosa: non importa cosa dica o prometta la Russia“, ha precisato Zelenskiy in un video pubblicato su Telegram. Mosca “troverà il modo di non attuare“, l’intesa, ha aggiunto. Lo riporta il Guardian.

Condanna all’attacco russo al porto di Odessa da parte anche del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, uno degli artefici e dei mediatori per raggiungere la firma di ieri. Parole pesanti sono arrivate anche l’Alto Rappresentante per la Politica Estera Ue, Josep Borrell: “L’Ue condanna fermamente l’attacco missilistico russo al porto di Odesa. Colpire un obiettivo cruciale per l’esportazione di grano un giorno dopo la firma degli accordi di Istanbul è particolarmente riprovevole e dimostra ancora una volta il totale disprezzo della Russia per il diritto e gli impegni internazionali“.

La Russia nega la responsabilità dell’attacco al porto di Odessa

La Russia ha negato di essere coinvolta nel raid al porto ucraino di Odessa. Lo ha affermato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, che ieri ha partecipato alla firma dell’accordo sull’export di grano a Istanbul. “I russi ci hanno detto che non hanno assolutamente nulla a che fare con questo attacco e che stanno esaminando la questione molto da vicino” ha detto il ministro turco.

La Turchia si è definita “preoccupata” dopo l’attacco russo al porto di Odessa

Tra i mediatori dell’accordo sul grano, oltre all’Onu, c’era anche la Turchia che aveva definito la firma di ieri storica. Oggi la stessa Turchia si è detta “preoccupata” per gli attacchi russi al porto ucraino di Odessa.Il fatto che un incidente del genere sia accaduto subito dopo l’accordo che abbiamo raggiunto ieri… ci preoccupa davvero“, ha affermato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar.