Mattarella scioglie le camere, svelata la data delle elezioni a settembre | Le parole dure del Capo dello Stato

Dopo le dimissioni rassegnate dal Premier uscente Mario Draghi salito per la sesta volta al Colle negli ultimi giorni, la palla è passata ancora una volta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Quest’ultimo, nel pomeriggio di oggi, ha firmato il decreto per la fine dell’esecutivo Draghi, poi ha usato parole perentorie nel descrivere il momento.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento delle Camere

Il Capo dello Stato dopo che il premier uscente ha controfirmato il decreto per lo scioglimento delle camere si è rivolto agli italiani, ma ha anche al parlamento uscente e ai suoi deputati e senatori per tracciare la via in vista delle prossime elezioni.

La crisi di governo è entrata ormai nel vivo. Dopo che Mario Draghi ha rassegnato per la seconda volta le sue dimissioni da presidente del Consiglio, le prime respinte dal Presidente della Repubblica, le seconde accettate, adesso proprio il Capo dello Stato dovrà decidere il da farsi. Stabilite le date delle prossime elezioni politiche.

Come ufficialmente comunicato – ha detto oggi Mattarellaho firmato il decreto di scioglimento per indire nuove elezioni entro 70 giorni come previsto“.

Sergio Mattarella: “Vanno affrontate le difficoltà economiche. Molti adempimenti da chiudere nell’interesse degli italiani”

Il presidente della Repubblica ha poi aggiunto che “la situazione politica ha condotto a questa decisione. La discussione il voto e la modalità hanno reso evidente l’assenza di prospettive per una nuova maggioranza“.

Il governo ha presentato le dimissioni – ha continuato il presidente della Repubblicanel prenderne atto ho ringraziato Mario Draghi e i ministri per l’impegno in questi 18 mesi. Il Governo incontra limitazioni nella sua attività, ma ha gli strumenti per operare in questi mesi prima che arrivi il nuovo esecutivo. Non sono possibili pause nel momento che stiamo attraversando, i costi dell’energia hanno conseguenze per famiglie ed imprese, vanno affrontate le difficcoltà economiche, ci sono molti adempimenti da chiudere nell’interesse dell’Italia“, ha affermtao il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Mi auguro – ha continuato il Capo dello Statoche pur nell’intensa campagna elettorale vi sia da parte di tutti un contributo costruttivo nell’interesse dell’Italia“. “Davanti alle Camere” ci sono “molti importanti adempimenti da portare a compimento nell’interesse del Paese” ha concluso Mattarella evidenziando le azioni necessarie da parte del governo per gli affari correnti. “A queste esigenze si affianca l’attuazione nei tempi concordati del Pnrr. Né può essere ignorata l’azione di contrasto alla pandemia“.

E la data scelta per le prossime elezioni poliche è quella del prossimo 25 settembre. In ballo c’erano tre date. Una improbabile le altre due più praticabili. Andare al voto il 18 settembre era davvero difficile perché non ci sarebbero stati i tempi tecnici per portare al voto gli italiani. Alla fine ha prevalso la prima data disponibile, quella del 25 settembre su quella del 2 ottobre. Di sicuro, con le prossime elezioni, entrerà in vigore il taglio dei parlamentari, con un totale di 400 deputati e 200 senatori.

Draghi: “Orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto”

E lo stesso presidente del Consiglio uscente Mario Draghi ha commentato le sue dimissioni, accettate dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella:Come sapete, questa mattina ho rassegnato le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica, che ne ha preso atto, chiedendo di restare in carica per gli affari correnti. Voglio ringraziare prima di tutto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la fiducia accordatami e per la saggezza con cui ha gestito questa fase di crisi“. Così il premier dimissionario Mario Draghi nel suo intervento introduttivo in Consiglio dei Ministri.

Voglio poi ringraziare voi tutti, per la dedizione, la generosità, il pragmatismo che avete dimostrato in questi mesi. Dobbiamo essere molto orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto, nel solco del mandato del Presidente della Repubblica, al servizio di tutti i cittadini. L’Italia ha tutto per essere forte, autorevole, credibile nel mondo. Lo avete dimostrato giorno dopo giorno in questi mesi di Governo“, ha aggiunto.