Guerra Ucraina, Severodonetsk è isolata | L’allarme di Zelensky: “La battaglia sarà…”

La guerra in Ucraina passa anche dalle strategie e adesso la Russia punta con decisione al Donbass: isolata Severodonetsk con tre ponti cruciali andati letteralmente in fumo.

Intanto la Russia sta provando ad attaccare con maggiore forza la città di Slavyansk. L’andamento della guerra mostra la resistenza degli ucraini ai nuovi attacchi russi, ma c’è una differenza di artiglieria, da qui la richiesta di Zelensky per armi più sofisticate e in grado di reggere il confronto sul campo con i russi.

Guerra Ucraina
Guerra Ucraina, Severodonetsk è isolata | L’allarme di Zelensky: “La battaglia sarà…”

Zelensky chiede ancora una volta vicinanza e chiede all’Occidente di ricevere adeguato sostegno. Chieste nuovamente armi più potenti per poter affrontare la Russia. “Abbiamo a che fare con il male assoluto. E non abbiamo altra scelta che andare avanti e liberare il nostro territorio. La battaglia sarà dura, ma dobbiamo vincerla a tutti i costi. Attiriamo quotidianamente l’attenzione dei nostri partner sul fatto che solo un numero sufficiente di artiglieria moderna per l’Ucraina garantirà il nostro vantaggio e, infine, la fine della tortura russa del Donbass“, ha ricordato il presidente ucraino.

Guerra Ucraina, peggiora la situazione a Severodonetsk | La situazione

Sergei Haidai, governatore dell’oblast di Lugansk, ha dichiarato che le forze russe hanno interrotto tutti i collegamenti con Severodonetsk. Distrutti i tre ponti che collegavano la parte orientale della cittadina assediata. “Una parte della città è ancora sotto il controllo ucraino“, ha ricordato Haidai. Intanto ha parlato di una distruzione che sta avvenendo quartiere dopo quartiere, con il 70% della città occupata dai militari russi.

Severodonetsk guerra Ucraina
Guerra Ucraina, peggiora la situazione a Severodonetsk | La situazione

Il segretario della Nato, Jens Stoltenberg, ha mandato un nuovo messaggio per parlare della difficile situazione causata dalla guerra in Ucraina. “Se Kiev ritira le sue forze e smette di combattere, l’Ucraina cesserà di esistere come nazione indipendente e sovrana in Europa“. Intanto per il prossimo giovedì 16 giugno è prevista la visita a Kiev di Mario Draghi, Emmanuel Macron e Olaf Scholz. La situazione peggiora e a Severodonetsk saltano tutti i ponti cittadini.

Ucraina, nuovo videomessaggio di Zelensky

Volodymyr Zelensky ha tracciato un bilancio su quanto sta accadendo in diverse zone del Paese. La situazione è in molti casi disperata, specialmente nel Donbass. “Chiedo a tutti coloro che hanno questa opportunità di comunicare con le persone del sud occupato, nel Donbass, nella regione di Kharkiv. Parlagli dell’Ucraina. Dì loro la verità. Dite che ci sarà la liberazione“, ha ricordato il presidente ucraino in un videomessaggio.

Zelensky ha annunciato che l’intera Ucraina sarà liberata dalle forze nemiche e che la guerra sarà vinta dai proprio militari. “Dillo a Kyrylivka, Henichesk, Berdyansk, Manhush. Dillo a Horlivka, Donetsk, Lugansk. Dillo a tutti quelli che nella regione di Kharkiv sono ancora costretti a vedere la bandiera russa sulla nostra terra ucraina. Ditegli che l’esercito ucraino arriverà sicuramente. Naturalmente, libereremo anche la nostra Crimea. La bandiera dell’Ucraina tornerà a sventolare su Yalta e Sudak, su Dzhankoi e Yevpatoriya. E che ogni funzionario russo che si è impossessato di terre preziose in Crimea ricordi: questa non è la terra dove avranno pace“, ha concluso il presidente ucraino.