Progettava un attacco in una scuola americana: sventata strage | La polizia arresta un ragazzino

Dopo la tragedia di Uvalde, dove in una scuola sono stati uccisi 19 bambini e due adulti per mano di un 19enne, un altro attentato in un istituto scolastico era pronto per essere messo in atto in California.

La polizia è riuscita a sventarlo arrestando un altro adolescente. Quello che gli investigatori hanno trovato nel suo appartamento li ha lasciati senza parole.

Una scena del crimine in California dove un ragazzo progettava un attentato in una scuola

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden nelle scorse ore è tornato sulle recenti stragi da arma da fuoco registrate in America. Sono ancora fresche nella memoria degli americani, e non solo, le scene di strazio dei familiari dei 19 bambini e delle due insegnanti, dopo la carneficina nella Robb Elementary School di Uvalde, in Texas. Biden ha chiesto al Congresso di agire in fretta per limitare l’uso delle armi da fuoco negli Stati Uniti, ma il presidente americano dovrà scontrarsi con il no dei Repubblicani.

Quest’ultimi ritengono la possibilità per gli americani di acquistare armi da fuoco e di auto difendersi un diritto intoccabile.

Progettava strage in un liceo della California, la polizia arresta un 16enne grazie a una soffiata

Intanto una nuova strage per mano di un adolescente era pronta ad essere messa in atto in un liceo della California.

Un ragazzo di 16 anni era pronto ad agire a Berkeley. La polizia lo ha arrestato dopo che  era venuta a sapere che stava reclutando altri studenti per compiere una sparatoria di massa una scuola superiore della sua città. Gli investigatori hanno ricevuto una soffiata secondo cui l’adolescente intendeva colpire la Berkeley High School, anche con ordigni esplosivi, e hanno ottenuto un mandato di perquisizione nella sua abitazione, dove hanno sequestrati elementi esplosivi, fucili d’assalto, diversi coltelli e oggetti elettronici utilizzabili per creare armi.

Il ragazzino e’ stato arrestato per possesso di materiale distruttivo e per la minaccia di commettere un crimine con morti o feriti. Le autorità hanno preparato anche un team per valutare la salute mentale del teenager.

Nel frattempo in Amebrica si continua a sparare. Nelle scorse ore dopo i 4 morti di Tulsa, uccisi da un uomo che ha aperto il fuoco all’interno di un ospedale per uccidere il chirurgo che lo aveva operato, un bambino di 8 anni ha perso la vita mentre il padre è rimasto ferito. La sparatoria è avvenuta lo scorso 28 maggio a Flobrence, in Sud Carolina, dove un uomo che ha aperto il fuoco contro le auto di passaggio.

La polizia dopo essere arrivata sul posto ha trovato all’interno di un auto il bambino di 8 anni, che trasportato in ospedale è deceduto, ed il padre ferito ad una gamba in modo non grave.