Banche, come evitare di svalutare i soldi fermi sul conto | La novità spiazza i correntisti

Banche, tenere i soldi fermi sta diventando un rischio che espone alla svalutazione rispetto al tasso d’interesse: cosa fare in alternativa.

Tenere i soldi in banca o alle poste non è più sinonimo di garanzia come un tempo, complice il tasso d’interesse i capitali si svalutano. Secondo le recenti stime, un capitale di partenza da 100 – dopo pochi mesi – può diventare 94: su questa linea tutto il resto, motivo per cui chi ha la possibilità evita di tenere i soldi fermi in un conto.

fisco
Come far fruttare 25.000 euro (Pixabay)

Farli muovere, tuttavia, significa fare un investimento: alcuni movimenti bancari che potrebbero dare una sferzata ai tassi facendo aumentare gli incassi. Facile a dirsi, meno a farsi: in gioco ci sono troppe variabili. Non ultima quella dell’attendibilità delle proposte. Occorre fare attenzione, non tutti gli investimenti sono sinonimo di garanzia.

Banche, come evitare la svalutazione: i fondi di investimento comune

Prima si investiva nel mattone, ora il mercato immobiliare è in calo e in alternativa ci sono i fondi d’investimento comuni: una sorta di OPA, ovvero azionariato popolare che consente a tutti coloro che sono iscritti o hanno una quota di ricevere un tasso fisso (non variabile) di interesse che potrebbe cambiare solo rispetto all’esito delle azioni. Le percentuali restano le stesse, ma cambiano gli eventuali introiti.

fisco contribuenti evasori
Cosa sono i fondi comuni di investimento (Pixabay)

Come agire in tal caso è possibile verificarlo su Altroconsumo che consiglia a quali OPA fare appello: possiamo, dunque, affermare che questa tipologia di affare non solo fa fruttare i capitali ma sposta anche – in un certo senso – gli interessi evitando la svalutazione. Avendo possibilità e scelte, sarà più facile lasciarsi coinvolgere in determinate operazioni. È sempre raccomandabile affidarsi a un esperto consulente finanziario o consultare i portali dedicati.