Champions League, il Real Madrid sul tetto d’Europa | Ancelotti nella storia, nessuno come lui

Il Reeal Madrid è sul tetto d’Europa. La formazione di Carlo Ancelotti si è aggiudicata la Champions League battendo il Liverpool per 1-0 nella partita giocata Parigi.

Finale macchiata da una organizzazione non all’altezza. Partita iniziata con 36 minuti di ritardo a causa di problemi di sicurezza fuori lo stadio per la presenza di centinaia di tifosi senza biglietto che hanno scavalcando e eludendo la sicurezza.

Karim Benzema in azione nel corso della finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool

Da un lato gli spagnoli con 13 coppe dei campioni in bacheca, dall’altro un Liverpool con l’obiettivo di un triplete stagionale per chiudere la stagione in maniera indimenticabile. Proprio i Reds si sono fatti vedere di più nel corso del primo tempo che si è chiuso a reti inviolate: pimpante e propositiva la squadra di Jurgen Klopp che ha avuto per gran parte dei primi 45 minuti di gioco il pallino del gioco, andando al tiro più volte.

Soprattutto al 20′ con Sadio Manè. Una grande giocata del senegalese che dopo aver saltato in area con un guizzo due avversari ha lasciato partire un tiro che è stato deviato sul palo da Thibaut Courtois. Il Real si è fatto vedere davanti la porta di Alisson allo scadere del primo tempo. Proprio il portiere del Liverpool, causa una sua disattenzione, ha rimesso in gioco Karim Benzema che ha messo la palla in rete. Gol annullato dal Var per un fuorigioco proprio del francese.

Il Liverpool fa gioco, ma il Real passa avanti nella ripresa grazie a Vinicius

Ripresa iniziata sulla stessa lunghezza d’onda della prima con il Liverpool a fare la partita.

La straordinaria parata di Courtois che ha deviato il tiro di Manè sul palo salvando il risultato nel corso del primo tempo

Ma la svolta l’ha firmata il Real Madrid che ha sbloccato la partita al 13′ del secondo tempo. Tutto nato da una iniziativa di Valverde che dopo aver ricevuto palla sulla fascia destra si è accentrato trovando spazio davanti a sé e lasciando partire un tiro rasoterra che si è trasformato in un assist per Vinicius. Quest’ultimo, posizionato sul secondo palo, non ha dovuto fare altro che ribattere a rete con la porta lasciata sguarnita da Alisson.

Il Liverpool è rimasto comunque in partita, continuando a creare gioco e mettere in difficoltà il Real, come a 8 minuti dal novantesimo quando Mohamed Salah ha ricevuto palla sulla trequarti, stoppando in corsa un lancio dalla propria metà campo: il suo tiro in diagonale è stato neutralizzato da uno strepitoso Courtois, abbracciato dai propri compagni come se avesse segnato un gol.

Il suo intervento determinante ha messo il punto decisivo sul successo del Real Madrid che ha conquistato così la sua 14esima Coppa dei Campioni. Un record assoluto, accoppiato al record del suo allenatore. Nessuno, infatti, come Carlo Ancelotti che si è portato a casa la sua quarta Champions League da allenatore: nessuno come lui.