Guerra Ucraina, bombe su una scuola: colpita Bilohorivka | Tra le macerie ci sono vittime e feriti

Guerra in Ucraina, giorno 74. Nella notte alcune bombe russe sono cadute su una scuola di Bilohorivka, nell’Ucraina centrale. Nell’edificio erano rifugiati circa 90 civili, 30 dei quali sono stati estratti dalle macerie. 

Si teme ci siano almeno 60 morti. Bilancio in aggiornamento. A confermare la notizia è stato il Il governatore della regione di Luhansk, Serhiy Gaidai. Secondo il politico, quasi tutto il villaggio di Bilohorivka era rifugiato nel sotterraneo della scuola, perché si riteneva che, essendo una scuola, il target sarebbe stato risparmiato. Ma si sbagliavano.

Guerra Ucraina Bilohorivka
Guerra Ucraina, bombe su una scuola: colpita Bilohorivka | Ci sono vittime e feriti

La bomba ha centrato la palazzina che ha preso fuoco. Secondo i racconti, i vigili del fuoco hanno impiegato due ore solo per estinguere le fiamme. Solo dopo hanno iniziato a tirare fuori superstiti e corpi. La zona è stata pesantemente colpita dai russi nella notte. Alcune bombe, infatti, sono cadute anche nel villaggio vicino di Shypilovo.

Ci sarebbero almeno 11 vittime, rimaste intrappolate nel seminterrato del palazzo in cui si erano rifugiati. Il bilancio non è definitivo. I soccorritori che scavano senza sosta tra le macerie hanno cercato di raggiungere il luogo quando i bombardamenti erano ancora in corso. Lo ha raccontato ancora il governatore Serhiy Gaidai.

L’area di Bilohorivka è vicina a quella di Severodonetsk, dove proprio ieri ci sono stati pesanti combattimenti. Secondo il quotidiano Ukrayinska Pravda, proprio quella zona è stata l’epicentro di una feroce battaglia la notte tra sabato e domenica.

Guerra Ucraina, bombe su una scuola: colpita Bilohorivka | “Brutale crimine”.

In un Tweet, il ministero degli Esteri ucraino ha condannato oggi i bombardamenti russi sulla scuola di Bilohorivka. “La Russia ha commesso questo brutale crimine di guerra poco prima della Giornata della Memoria e della Riconciliazione. Ripetendo costantemente la tragedia della seconda guerra mondiale“, hanno scritto dal ministero di Kiev.