Seminudo e senza documenti, ucciso in modo atroce | Spunta l’ipotesi della spedizione punitiva

Ritrovato il corpo di un uomo seminudo e senza documenti in mezzo a una strada. La  polizia indaga per risalire all’identità della vittima. Una pista seguita dagli inquirenti prende già il sopravvento. 

Malmenato con brutalità e lasciato in una piazzola di sosta. Il ragazzo trovato senza vita sarebbe stato investito anche da un’autovettura, ma la dinamica è ancora tutta da chiarire. Le indagini procedono e non si fermano ai soli rilievi effettuati sul posto.

corpo uomo
Trovato corpo di un uomo seminudo e senza documenti (Ansa)

I dettagli raccapriccianti arrivano dopo il ritrovamento di un giovane e gli opportuni accertamenti. La polizia indaga e parla di un regolamento di conti causato da una contesa ben precisa, con tanto di possibile risvolto per un altro episodio avvenuto di recente.

Trovato il corpo di un uomo seminudo e senza documenti | Giallo sull’identità della vittima

Giaceva a terra con il volto tumefatto, entrambe le gambe rotte e seminudo. L’uomo aveva segni di tortura con mozziconi di sigaretta spenti sul volto. La polizia stradale di Busto Arsizio ha trovato il corpo di un uomo lungo la strada statale 336 a Vanzaghello, comune alle porte di Milano, durante la mattinata di sabato 7 maggio 2022. Secondo le prime ricostruzioni, si tratterebbe di un giovane di origini nordafricane. Il giallo si infittisce sui motivi del decesso. 

corpo uomo trovato
Seminudo e senza documenti, giaceva in mezzo a una strada, giallo sul corpo dell’uomo (Ansa)

Sembrerebbe emergere dall’attività investigativa un omicidio causato da un regolamento di conti. Fonti investigative hanno parlato di una possibile spedizione punitiva a causa dello spaccio di droga, probabilmente una vendetta dopo il delitto di Rescaldina avvenuto lo scorso 2 aprile all’interno del bosco del Rugareto. La polizia stradale di Busto Arsizio, coordinata dalla Procura, ha effettuato i rilievi proprio sul luogo dove è stato ritrovato il cadavere dell’uomo.

Le ipotesi degli inquirenti | Da accertare l’identità della vittima

La pista del regolamento dei conti è quella che ha preso subito piede. Qualcuno potrebbe aver picchiato a sangue l’uomo proprio per questioni legate alla droga. La zona in cui è stato trovato il corpo (vicino a Malpensa) è nota per essere una delle aree dedicate allo spaccio. Proprio per questa motivazione, l’ipotesi di un pestaggio punitivo ai danni del ragazzo non è da sottovalutare. Ancora da accertare l’identità dell’uomo. Sapere chi fosse la vittima potrebbe sicuramente aiutare le indagini a capire cosa sia accaduto nelle ore precedenti la morte.

Dalle prime valutazioni effettuate sul cadavere, il ragazzo potrebbe avere presumibilmente un’età compresa fra i 20 e i 30 anni. Ad allertare le forze dell’ordine alle prime luci dell’alba sono stati alcuni automobilisti che hanno notato il corpo senza vita nella piazzola. A nulla sono serviti i soccorsi chiamati. All’arrivo dell’ambulanza, l’uomo era già deceduto.