Di Canio-Lukaku, è guerra aperta | L’ex Lazio stronca il belga e annuncia il nuovo allenatore del Man United

Di Canio-Lukaku, ormai è sfida. L’ex Lazio ha preso di mira l’attaccante del Chelsea. Pesanti critiche all’ex Inter, poi la profezia.

In The Box. Quello che è un termine tecnico abituale nelle telecronache di calcio inglese rischia di diventare il seme della discordia fra due ex calciatori italiani. Uno ancora in attività, belga di nascita ma italiano di adozione dopo gli anni all’Inter, l’altro ha appeso gli scarpini al chiodo da un po’ ma ancora fa discutere nei panni di opinionista.

Paolo Di Canio Lukaku
Paolo Di Canio stronca l’ex nerazzurro (ANSA)

Romelu Lukaku e Paolo Di Canio: gli opposti che non si attraggono. I due non si sono mai stimati più di tanto, o meglio: il belga continua a vivere le sue avventure professionali in Premier League con il Chelsea e l’ex collega – ora prestato al Paddle – lo bersaglia. Ancora nelle orecchie dei tifosi le parole: “Panterone moscione”. L’ex Lazio le ha dedicate all’ex Inter dopo le sue prime débâcle.

Di Canio-Lukaku, lo scontro continua: l’ex Lazio sempre più duro con il belga

Ora, che l’esperienza al Chelsea non sembra essere la migliore della sua carriera, l’ex calciatore se la prende ulteriormente con Lukaku: il contesto è quello del noto podcast – In The Box – proposto dalla Gazzetta dello Sport.

Di Canio contro ex Inter
L’ex Lazio boccia Lukaku (ANSA)

L’attuale opinionista di Sky Sport, interpellato al telefono da Paolo Avanti, Stefano Cantalupi e Pierluigi Galanti, ha definito così le ultime uscite del centravanti: “Lukaku non può fare il titolare nel Chelsea in queste condizioni. Non riesce ad avere quell’impatto sulle partite che aveva prima, aveva iniziato bene con la doppietta all’Aston Villa, poi si è perso”.

Frecciate al vetriolo ma non solo: l’ex biancoceleste parla anche di Ten Hag al Manchester United. L’anno prossimo ci sarà lui sulla panchina dei Red Devils. La profezia apre un altro caso spinoso: quello di Cristiano Ronaldo.

Leggi anche – Morte Maradona, accuse di omicidio colposo per 8 imputati | Il PM: “12 ore di agonia”

L’allenatore olandese non vuole il fenomeno portoghese in campo, questo traspare dalle indiscrezioni a mezzo stampa. Dunque, l’ex Juve potrebbe andar via. Altrimenti si rischia un’altra faida, sulla falsa riga di quella Lukaku-Tuchel, vedremo se Di Canio avrà ragione oppure no. Al momento le sue “sentenze” dividono, ma forse è anche giusto così.