Guerra Ucraina, Intercettazioni shock tra un soldato russo e la fidanzata | “I nostri hanno fatto una brutta fine”

Dalla guerra in Ucraina non ci sono ne vincitori ne vinti ma solo testimonianze spaventose di chi sta vivendo il conflitto. L’intercettazione shock tra un soldato russo e la fidanzata è solo un esempio di quello che vuol dire vivere nella paura

I soldati russi mandati a combattere la guerra in Ucraina sono giovani ragazzi che non arrivano neanche ai 20 anni. Ne è un esempio l’occupazione della città di Bucha, spartiacque nella guerra in Ucraina e il suo massacro di civili.

guerra ucraina
Guerra Ucraina, l’intercettazione shock tra un soldato russo e la fidanzata (Pixabay)

Ad occupare la città una manciata di militari russi appena maggiorenni e privi di esperienze concrete, guidano grandi tank russi contrassegnati da quella “Z” che sa tanto di fascismo. Ed è così che l’intercettazione scioccante tra un soldato di Mosca e la fidanzata in patria è un resoconto macabro di come questi giovani soldati vengono trucidati, fatti a pezzi.

Guerra Ucraina, l’intercettazione shock tra un soldato russo e la fidanzata | “Oltre 500 cadaveri fatti a pezzi”

“Mi sono reso conto che ero in guerra quando nell’elmetto che portavo ho trovato la prima scheggia di un proiettile”.

Le parole di un soldato russo intercettato al telefono con la fidanzata fanno pensare alla poca consapevolezza di questi militari. Mandati al fronte a combattere una guerra che, forse, neanche capiscono bene. Sono per la maggior parte ragazzi di 18-19 anni appena arruolati nell’esercito.

guerra ucraina
Guerra Ucraina, telefonata tra soldato russo e fidanzata (Pixabay)

Nella telefonata intercettata tra la coppia si sente lei chiedere al soldato:“Dove sei ora?”; Lui risponde: “All’inferno in Ucraina. Abbiamo soldati di leva qui, ragazzi di 18, 19 anni. Che dicono al telegiornale?“.

Così la donna snocciola quello che la propaganda russa trasmette sui canali d’informazione di Stato. “Il Cremlino dice che ci sono poche perdite”. Ed è qui che il militare ride amaramente ribadendo la “vera” versione dei fatti: “Solo nei primi due giorni 500 nostri soldati sono stati portati via a pezzi in sacchi neri. Per la donna in ascolto quelle parole sono uno shock: “Al telegiornale non spiegano che i nostri vengono fatti prigionieri”. Ma l’uomo riferisce: “Non è vero, è tutta una farsa, stiamo subendo enormi perdite“.

Leggi anche: >>> Guerra Ucraina, massacro stazione Kramatorsk: vittime e feriti | Bombardamento durante evacuazione di civili | VIDEO

La conversazione, come riportato dal Messaggero dal video postato, continua con la preoccupante domanda della donna: “Stai colpendo civili?”, la risposta del soldato è piena di rabbia. “Sì. Abbiamo cacciato fuori i civili, adesso abitiamo nelle loro case”. La donna, allora, continua volendo sapere cosa mangiassero i soldati. Lui risponde, “Andiamo a caccia, dipende da quello che prendiamo”. La fidanzata riflettendo su quando appreso, dichiara: “Sembra che si siano dimenticati di voi”. Il militare conclude: “Sembra proprio così. Giuro che quando rientro a casa strappo il contratto. Sempre se riuscirò a tornare vivo“.