Torino, agenti nello stabile della droga: 50 identificati

Agenti aggrediti da un condominio in rivolta. E’ successo venerdì notte a Torino durante un’operazione antidroga. Gli inquilini hanno ferito tre agenti dell’unità della Squadra Mobile nel tentativo di bloccare l’arresto di un pusher. 50 persone identificate.

Torino, agenti aggrediti durante operazione antidroga

Venerdì notte tre agenti dei Falchi, unità antidroga della Squadra Mobile di Torino, sono stati aggrediti da una ventina di condomini che volevano impedire l’arresto di uno spacciatore. E’ successo a Torino, al civico 162 di Corso Regina Margherita, non lontano dal centro città. I Poliziotti avrebbero identificato il ragazzo mentre spacciava stupefacenti in strada e successivamente lo avrebbero condotto presso la sua abitazione.

A quel punto il giovane avrebbe allertato i vicini dell’arrivo della Polizia. Gli inquilini avrebbero quindi aggredito gli agenti con calci e pugni. Uno di loro avrebbe addirittura tentato di sfilare la pistola dalla fondina di un poliziotto. La situazione è tornata sotto controllo solo dopo l’arrivo sul posto dei rinforzi della Polizia. Arrestati il pusher, suo fratello e un aggressore. L’accusa è di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, lesioni e resistenza.

LEGGI ANCHE >> Esecuzione vicino Milano, ucciso 60enne pregiudicato in un agguato

Agenti aggrediti a Torino, 50 identificati

agenti aggrediti torino, 50 identificati

All’alba di questa mattina è scattato un controllo straordinario nello stabile di Corso Regina Margherita 162. La Questura di Torino comunica attraverso una nota che il controllo si è concluso con l’identificazione di 50 persone. Venti delle quali con precedenti per reati contro il patrimonio e spaccio di droga e cinque irregolari sul territorio nazionale.

Durante il blitz la Polizia ha rinvenuto modiche quantità di sostanze stupefacenti, nascoste nelle cantine dello stabile. Si segnalano inoltre verifiche in corso su presunti allacci abusivi alle forniture elettriche e carenze igienico sanitarie. Gli esiti dei controlli verranno comunicati alle autorità competenti. Altri quartieri torinesi in condizioni di particolare degrado saranno sottoposte a controlli nei prossimi giorni.